Granada – L’Alhambra meraviglia del mondo

Se non hai visto Granada… non hai visto nada!
E ci sta tutto!
La vecchia capitale della penisola iberica al tempo dei mori, la patria dei gitani del flamenco, la città dove Isabella di Castiglia ha scelto di essere sepolta con la sua famiglia e luogo in cui si trova una delle meraviglie del mondo: l’Alhambra.

Diciamo che sono arrivata qui un po’ come una fangirl… dal momento che avevo grandi aspettative per l’Alhambra, e non avevo capito bene cosa vedere oltre a questa vera meraviglia, ma ero molto fiduciosa, mi sono lasciata trasportare!
Una fangirl perché avevo finito di vedere un po’ prima di partire la serie spagnola Isabel, con la storia di Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona, i re cattolici che riuscirono a strappare la penisola iberica ai mori, ma soprattutto l’Andalusia e trasformare la regione e l’architettura, cercando di lasciare intatte, per quanto possibile per i canoni del tempo e le loro ferree regole, queste meraviglie.
Una volta conquistata Granada si erano ovviamente stabiliti all’Alhambra apportando dei cambiamenti, e le loro tombe imponenti sono nella cattedrale della città, insieme a quelle dei successori: la figlia Giovanna la loca e del marito Filippo I d’Asburgo – figlio dell’imperatore Massimiliano – di cui hanno fatto un film che ancora non ho visto, ma vedrò! ihih –
Curiosità: Isabella voleva essere seppellita in modo molto semplice essendo una religiosa devota, in una tomba a livello del suolo senza alcuno sfarzo. Suo marito però non rispettò questo suo volere e decise di costruire delle tombe monumentali, anche per i suoi successori, nella cappella reale rivolte ad un grande altare piene di quadri raffiguranti i regnanti…
Quindi motivata dalla storia che avevo seguito e dai suoi personaggi sono arrivata veramente carica aspettative ed incanto e diciamo che mi ha aiutato molto a capire la storia che c’era dietro a tutto quello che stavo visitando.

L’Alhambra è una roccaforte, come una piccola città per i regnanti, la versione più grande del Real Alcazar di Siviglia, al tempo era completamente autonoma dalla città.
Una vera e propria meraviglia del mondo, non mai visto qualcosa di simile finora, ed è straordinaria, vale tutta la visita.

Ovviamente essendo una meta turistica molto ambita, è consigliabile prenotare prima di partire il biglietto per evitare lunghe code, perdere tempo inutile e rischiare di non vedere niente perché tutto prenotato in largo anticipo! Quindi attenzione!
Si può scegliere di visitare l’Alhambra con un gruppo e una guida, così da capire la storia, tra le lingue inglese, spagnolo e francese!
Il tour può durare mezza giornata per poi essere liberi di vagare e tranquillamente perdersi per la mitica fortezza, tra giardini e roccaforti!

Booking.com

La cittadina di Granada è, come Cordoba, abbastanza piccola e molto calda… e visitare l’Alhambra può prendere tranquillamente un’intera giornata e più – si può anche visitare di sera per godere del panorama della città al tramonto.
La città più “mora” dell’Andalusia, oggi pienissima di gitani, conserva i bazar, le viuzze strette, tante salite e discese secondo la geografia delle città, la collina dell’Albayzín e i diversi miradores per guardare la città da ogni angolo, ascoltare i musicisti e tapear in giro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.